Book Appointment Now

Sviluppo commerciale estero con TEM Temporary Export Manager

Scopri come sviluppare strategie vincenti per l' internazionalizzazione con TEM Temporary Export Manager e gestire al meglio il commerciale estero delle PMI B2B.

Scopri Come il Temporary Export Manager Rivoluziona lo Sviluppo Commerciale delle PMI B2B all’Estero

La navigazione nei mari turbolenti dell’internazionalizzazione può sembrare un viaggio arduo, specie per le piccole e medie imprese (PMI) operanti nel settore B2B. L’ambizione di crescere e espandersi nel mercato globale, pur rappresentando un obiettivo cruciale, si scontra spesso con una complessità non di poco conto. Le sfide che si presentano sono innumerevoli e possono suscitare timore di affrontare l’ignoto.

Ma ogni viaggio, anche quello più complesso, inizia con un singolo passo. E in questa impresa, non si è soli. Grazie a soluzioni innovative come ExportHub, con il suo approccio integrato e la figura del Temporary Export Manager al tuo fianco, il percorso verso l’internazionalizzazione può trasformarsi da una scalata ardua in un viaggio pianificato, gestibile e, soprattutto, produttivo.

È tempo, quindi, di spostare l’orizzonte e ampliare la visione. Con la giusta guida e gli strumenti adeguati, le sfide possono trasformarsi in opportunità. Così, anche per le PMI italiane, il mondo non è mai stato così a portata di mano. C’è un vasto panorama di possibilità là fuori, pronto per essere esplorato.

Il ruolo del temporary export manager nelle PMI

Il Temporary Export Manager rappresenta una figura chiave per le PMI che puntano a espandere il proprio orizzonte commerciale oltre i confini del mercato domestico. Grazie a professionisti specializzati, capaci di comprendere a fondo quali sono le competenze necessarie per navigare con successo all’interno del mercato nazionale e internazionale, l’azienda può cogliere un’opportunità unica di crescita. L’impiego di queste competenze permette di strutturare un efficace piano marketing adatto tanto al contesto locale quanto a quello globale, garantendo così un sviluppo commerciale all’estero mirato e sostenibile.

Senza dimenticare l’importanza di un profondo legame con la terra d’origine, il Temporary Export Manager agisce come un vero e proprio ponte tra l’azienda e l’estero, facilitando i processi di importazione ed export. Questo ruolo diventa cruciale quando c’è un ufficio dedicato all’export o quando si desidera istituire l’ufficio commerciale all’estero: il manager opera affinché ogni strategia commerciale sia allineata con gli obiettivi commerciali dell’azienda, assicurando che l’export manager interno lavori in sinergia con il resto del team.

In questo contesto, c’è quindi una continua ricerca di equilibrio tra aspetti operativi e visione strategica, fondamentale per integrarsi efficacemente all’interno del mercato internazionale. Un’azienda che sceglie di affidarsi a un Temporary Export Manager non soltanto accresce le proprie possibilità di successo commerciale all’estero, ma si dota anche di un alleato prezioso nella definizione e nell’attuazione di strategie di sviluppo commerciale all’estero, essenziali per competere alla pari con gli attori già consolidati sul palcoscenico globale.

Perché le PMI dovrebbero considerare un TEM per l’espansione commerciale estero?

Quando una PMI si espande all’estero, l’investimento in un TEM può offrire maggiori probabilità di successo. La conoscenza degli stakeholders, come importatore e distributori locali all’estero, è cruciale. Un TEM fornisce questo insight, contribuendo alla riduzione rischio e assicurando che il commerciale deve navigare efficacemente nel mercato globale. L’espansione internazionale di una piccola o media impresa (PMI) porta con sé una serie di sfide e opportunità. Una delle questioni principali riguarda la necessità di comprendere a fondo il mercato di destinazione, che non si limita alla semplice conoscenza di aspetti macroeconomici o normativi, ma richiede una comprensione dettagliata dei vari stakeholder locali, tra cui importatori, distributori, consumatori e altri partner commerciali o istituzionali. In questo contesto, l’investimento in un Trade Expansion Manager (TEM), o una figura simile specializzata nell’espansione commerciale internazionale, può rappresentare un fattore chiave di successo.

Quali vantaggi offre il temporary management per lo sviluppo estero?

  • 1. Conoscenza del Mercato Locale: Un TEM ha spesso esperienza diretta o accesso a reti professionali nel mercato di destinazione. Questa conoscenza approfondita può aiutare l’impresa a identificare le migliori opportunità di ingresso nel mercato, a comprendere le dinamiche competitive e a navigare nelle complessità culturali e normative locali.
  • 2. Identificazione e Valutazione degli Stakeholder: Importatori e distributori locali possono essere alleati fondamentali per una PMI che cerca di espandersi all’estero. Un TEM può aiutare a identificarli, a valutarne l’affidabilità e l’adeguatezza per la strategia dell’impresa, e a costruire relazioni solide e produttive.
  • 3. Riduzione del Rischio:  Espandersi in un nuovo mercato è sempre un’operazione rischiosa, specialmente per le PMI che potrebbero non avere risorse significative da dedicare all’esplorazione e all’adattamento. Un TEM può contribuire ad analizzare e mitigare vari rischi, inclusi quelli legali, finanziari e di reputazione.
  • 4. Supporto nell’Implementazione della Strategia: Oltre alla pianificazione, un TEM può svolgere un ruolo attivo nell’implementazione della strategia di espansione, coordinando attività di marketing, logistica e vendite, e assicurando che gli obiettivi vengano raggiunti in modo efficiente.
  • 5. Accesso a Reti e Canali Esistenti: Un aspetto vitale dell’espansione all’estero è l’abilità di inserirsi rapidamente ed efficacemente in reti commerciali esistenti. Attraverso i contatti e l’esperienza di un 

Quali Competenze Deve Avere un TEM per Avere Successo all’Estero?

Per avere successo all’estero, un TEM (Team di Espansione di Mercato) deve innanzitutto possedere una profonda conoscenza del mercato internazionale di riferimento. Questo implica la capacità di analizzare dati relativi sia al settore specifico sia alle tendenze generali di consumo e di business. Inoltre, la conoscenza del settore in cui l’azienda opera è fondamentale per anticipare le mosse della concorrenza e identificare nuove opportunità di crescita.

Una solida conoscenza della lingua del paese estero è essenziale, non solo per la comunicazione quotidiana, ma anche per comprendere le sfumature culturali che possono influenzare le decisioni di business. Affiancando questa, la conoscenza degli usi e costumi locali facilita l’ingresso e l’accettazione nel nuovo mercato, permettendo al team di adeguarsi e rispettare le norme culturali del paese ospitante. Infine, costruire relazioni solide con i stakeholders locali è cruciale per navigare con successo il nuovo ambiente di mercato e assicurare una base per operazioni a lungo termine.

Conoscenza del mercato di riferimento e posizionamento prodotto

La conoscenza del mercato di riferimento è un aspetto fondamentale per qualsiasi azienda che aspiri al successo. Essa implica una profonda comprensione delle dinamiche di mercato, dei bisogni e delle aspettative dei consumatori, nonché della concorrenza. Solo attraverso un’analisi dettagliata e costante è possibile identificare le opportunità di crescita e sviluppare strategie efficaci per intercettare i bisogni del target.

Il posizionamento del prodotto rappresenta la strategia attraverso la quale un’azienda definisce l’immagine e il valore del proprio prodotto agli occhi dei consumatori. Questo processo si basa sulla differenziazione del prodotto, evidenziandone le caratteristiche uniche e i vantaggi competitivi in ​​modo che risalti nella mente del consumatore rispetto ai concorrenti. Un posizionamento efficace contribuisce significativamente alla percezione del marchio e alla lealtà del cliente, essenziale per il successo a lungo termine.

Gestire al meglio le relazioni con distributori e partner commerciali

Gestire al meglio le relazioni con distributori e partner commerciali è essenziale per il successo di qualsiasi impresa. Questo processo richiede una comunicazione efficace e continua, poiché permette di comprendere le esigenze e le aspettative di entrambe le parti. È importante stabilire obiettivi chiari e realistici, oltre a creare strategie di marketing condivise che possano beneficiare sia l’azienda che i suoi partner.

Inoltre, mantenere una relazione trasparente e basata sulla fiducia aiuta a risolvere rapidamente eventuali malintesi o problemi. Offrire supporto e formazione ai distributori può incrementare la loro efficienza e motivazione nel rappresentare il prodotto o servizio. Infine, riconoscere e premiare le performance eccellenti non solo migliora la soddisfazione e la lealtà, ma stimola anche una competizione sana, portando a miglioramenti continui nelle vendite e nei servizi offerti.

Da Dove Iniziare: Primi Passi per le PMI Pronte a Espandersi all’Estero con un TEM

Per le PMI pronte a espandersi all’estero, il primo passo consiste nel compiere un accurato check-up dell’azienda, valutando gli strumenti e risorse a disposizione per sostenere tale espansione. Fondamentale è definire con chiarezza gli obiettivi di mercato desiderati e identificare i clienti potenziali nelle nuove aree geografiche. Questo richiede un’approfondita analisi dei dati di mercato e una analisi dei competitor per capire sia le opportunità che le sfide specifiche del settore all’estero.

Successivamente, è cruciale elaborare una strategia di marketing internazionale che includa l’aggiornamento delle PMI sulle novità in tema di marketing. L’allocazione del budget richiederà attenzione, concentrando le risorse sulle attività con il maggior ritorno sull’investimento. Sarà inoltre necessario prepararsi ad affrontare le pratiche doganali, un aspetto spesso sottovalutato ma cruciale per un’espansione senza intoppi. Un piano ben definito, che consideri queste variabili, consentirà alle PMI di avviare con successo il processo di internazionalizzazione.

Pianificare un check up gratuito per valutare lo stato di prontezza per l’internazionalizzazione

Pianificare un check-up gratuito per valutare lo stato di prontezza per l’internazionalizzazione è un passaggio cruciale per le imprese che aspirano a espandersi sui mercati esteri. Attraverso l’analisi dei propri punti di forza e punti di debolezza, un’azienda può ricevere suggerimenti preziosi su come migliorarsi.
I consulenti dell’Enterprise Europe Network (EEN) sono pronti a fornire tale valutazione, permettendo alle imprese di ricevere un report personalizzato sulle loro capacità di internazionalizzazione.

Questo report non solo evidenzierà i punti forti da capitalizzare, ma anche come sanare i punti di debolezza emersi attraverso un programma di assistenza specialistica. Rafforzare questi aspetti è fondamentale per incrementare le possibilità di successo sul palcoscenico internazionale. Grazie a questo approccio metodico, le aziende possono intraprendere il percorso verso l’internazionalizzazione con maggiore consapevolezza e preparazione.

Stabilire obiettivi chiari e realistici per il progetto di sviluppo commerciale estero

Stabilire obiettivi chiari e realistici è essenziale nel progetto di sviluppo commerciale estero. Inizialmente, è cruciale curare la presentazione dell’azienda e il catalogo prodotti, assicurandosi che riflettano pienamente la qualità e l’unicità offerta. Attraverso l’analisi del numero di prospect e dei potenziali clienti nel database di contatti, il team di vendita può definire una strategia per trasformare l’interesse in offerte prodotte e, successivamente, in offerte concluse.

L’uso di un gestionale avanzato, che integri una dashboard chiara e accessibile, permette di monitorare i progressi in tempo reale, valutare l’efficacia delle strategie nel corso dei mesi e ottenere feedback immediati per affinare ulteriormente l’approccio. Un tale sistema supporta notevolmente il team di vendita nell’orientarsi verso gli obiettivi predefiniti, massimizzando le possibilità di successo del progetto e garantendo una gestione efficace del database di contatti.

Creare e implementare un piano di sviluppo commerciale su misura

Creare e implementare un piano di sviluppo commerciale su misura richiede un approccio strategico e dettagliato. Inizialmente, è fondamentale analizzare il mercato di riferimento e identificare le opportunità di crescita, sfruttando analisi SWOT (forze, debolezze, opportunità, minacce) per avere una visione chiara del contesto competitivo.

Successivamente, la definizione degli obiettivi specifici, misurabili, realizzabili, rilevanti e temporizzati (SMART) orienterà le azioni verso risultati concreti. È indispensabile elaborare strategie di marketing mirate, selezionando i canali di comunicazione più efficaci per raggiungere il target desiderato.

Infine, l’implementazione del piano richiede un monitoraggio costante dei risultati, con l’aggiustamento delle strategie in base ai feedback ricevuti e alle evoluzioni del mercato. Un piano di sviluppo commerciale ben concepito e dinamicamente adattato può significativamente aumentare la competitività e la quota di mercato dell’azienda. 

Sviluppo estero – quali sono le opzioni possibili?

L’espansione in ambito internazionale, o sviluppo estero, offre diverse possibilità alle imprese che aspirano a crescere oltre i confini nazionali. Una delle opzioni principali è l’esportazione, che consente di vendere i propri prodotti o servizi in nuovi mercati senza necessariamente investire in strutture locali. Un’altra strategia è la creazione di joint venture con partner locali, che può facilitare l’accesso a conoscenze specifiche del mercato e distribuzione. Per le aziende che puntano a un’integrazione più profonda, l’acquisizione o la fusione con aziende locali rappresenta un’opportunità per consolidare presenza e risorse.
In aggiunta, l’apertura di filiali o sussidiarie in paesi esteri permette un controllo diretto sulle operazioni e su una strategia di marketing adattata al contesto locale. Infine, il franchising emerge come soluzione per espandere il proprio marchio attraverso partner che già conoscono le dinamiche del mercato locale. Ogni opzione ha i suoi vantaggi e richiede una valutazione approfondita in base agli obiettivi specifici dell’azienda, alle risorse disponibili e alle caratteristiche del mercato di destinazione.

Affidarsi a un temporary export manager può rappresentare una strategia vincente per le imprese italiane che desiderano espandere i propri orizzonti commerciali all’estero. Tuttavia, questa figura professionale da sola potrebbe non essere sufficiente senza il supporto adeguato in termini di strumenti e risorse. A fronte di queste esigenze, è essenziale che l’approccio per l’internazionalizzazione sia olistico, comprendendo non solo il supporto strategico e gestionale ma anche gli strumenti operativi necessari.
Fornire un gestionale avanzato, ad esempio, consente di avere un controllo efficiente su logistica, vendite, e relazioni con i clienti, mentre l’accesso a un database di potenziali clienti può accelerare notevolmente la fase di penetrazione del mercato. Un team di vendita qualificato e con conoscenza delle dinamiche aziendali, specialmente se capace di gestire relazioni con clienti internazionali, diventa il fulcro dell’attività di espansione. Per rispondere a queste esigenze, l’opzione dell’outsourcing si presenta come una soluzione particolarmente adatta.

Cos’è l’outsourcing per lo sviluppo all’estero?

L’outsourcing, o esternalizzazione, consente di affidare a terzi specializzati alcuni processi aziendali, in questo caso, quelli legati all’internazionalizzazione. Ciò permette alle aziende di concentrarsi sul proprio core business, riducendo i rischi associati all’espansione in mercati non familiari e migliorando le probabilità di successo.
Una soluzione “chiavi in mano” di outsourcing per l’internazionalizzazione potrebbe includere:

1. Analisi di mercato e strategia: Servizi di consulenza per comprendere il mercato target, i concorrenti, le potenziali barriere all’ingresso e i requisiti legali e normativi.
2. Supporto legale e burocratico: Assistenza nel navigare la complessa matassa delle normative internazionali, dalle questioni di esportazione e importazione ai contratti commerciali internazionali.
3. Marketing e vendite: Implementazione di strategie di marketing specifiche per il mercato di destinazione, sviluppo di materiali promozionali localizzati, gestione di campagne online e offline e costruzione di un team di vendita dedicato o la formazione del personale esistente.
4. Logistica e supply chain: Soluzioni per la gestione efficace della logistica e della supply chain, essendo un aspetto cruciale per il successo delle aziende in un mercato sempre più globalizzato e competitivo. 

Quali sono i servizi di ExportHub e come potrebbe essere utile?

Nell’ambito delle piccole e medie imprese (PMI) B2B, la crescita e l’espansione nel mercato globale rappresentano un obiettivo cruciale ma spesso complesso da raggiungere. Il cammino verso l’internazionalizzazione può presentare numerose sfide, ma grazie a soluzioni innovative come ExportHub, il percorso può diventare più accessibile, gestibile e produttivo.

ExportHub è una piattaforma integrata ideata per trasformare l’idea di espansione internazionale in realtà operativa. Combina tre elementi fondamentali che definiscono il suo valore unico nel panorama delle soluzioni per l’export: un software gestionale dedicato, un team di vendita esperto e un database di prospect costantemente aggiornato.

Il software gestionale offerto da ExportHub è un vero e proprio strumento di navigazione per le aziende che vogliono esplorare i mari del commercio globale. Esso offre funzionalità personalizzate, tra cui un catalogo prodotti, un sistema di offertazione multi-valuta e strumenti avanzati per il monitoraggio delle vendite, permettendo così un controllo completo e tempestivo sull’intero processo di vendita.

Nel contesto dello sviluppo commerciale estero, l’importanza di un team di vendita esperto e competente è fondamentale. ExportHub mette a disposizione un team di temporary export manager (TEM) specializzati nelle migliori pratiche di vendita a livello internazionale. Essi agiscono come un’estensione del tuo team, coinvolgendosi attivamente nella gestione delle relazioni con potenziali clienti internazionali.

Il terzo pilastro su cui si basa la soluzione di ExportHub è un database di prospect integrato nel software gestionale. Questo strumento, costantemente arricchito con l’acquisizione di big data, fornisce un accesso immediato a un vasto network di potenziali clienti in tutto il mondo. Questo significa avere sempre a disposizione una mappa aggiornata del tesoro rappresentato dai nuovi mercati.

Infine, al centro dell’esperienza offerta da ExportHub c’è un elemento distintivo: la dashboard a disposizione dell’imprenditore. Questo strumento intuitivo offre un quadro chiaro e aggiornato delle performance dell’azienda, facilitando la gestione e il monitoraggio dell’intera strategia di internazionalizzazione.

Nella sua essenza, ExportHub rappresenta l’evoluzione del concetto di “Export as a Service”. Una soluzione completa e chiavi in mano che rende l’espansione internazionale un’opportunità accessibile, efficiente e liberata da inutili complicazioni. Grazie a ExportHub, il mondo non è mai stato così a portata di mano per le PMI italiane.

Condividi il tuo amore

Aggiornamenti Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email qui sotto e iscriviti alla nostra newsletter